5 accessori necessari per allevare un geco leopardino

Ammettilo, anche tu sei rimasto affascinato dagli occhioni teneri del geco leopardino. E come darti torto, questo rettile è veramente irresistibile, ma anche piuttosto facile da allevare. Bastano 5 accessori, per garantire al tuo beniamino il giusto habitat per vivere bene e perché no, anche per riprodursi.

Non sei un esperto di rettili, forse non avevi mai pensato di prenderne uno, poi ti sei trovato per caso in un negozio di animali o in una fiera e hai notato un animaletto grassottello, il più delle volte molto colorato che ha attirato subito la tua attenzione. Così ti sei avvicinato per osservarlo meglio, e ti sei meravigliato quando improvvisamente hai notato che anche lui ti osservava e lo faceva con degli occhi larghi, scuri e pieni di espressività che uniti a una specie di sorriso sempre stampato in faccia, hanno letteralmente catturato la tua attenzione. Così senza pensarci troppo hai chiesto al venditore di cosa si trattava, “Eublepharis macularius o geco leopardino” ti ha risposto. Poi d’impulso avrai chiesto anche il costo e ti sarai compiaciuto del fatto che non era così alto come ti aspettavi.

È stato un colpo di fulmine, lo so. Poi però sei tornato alla “realtà” e siccome sei una persona responsabile, avrai detto: “accidenti io non ne so una cippa di rettili”, e disilluso avrai proseguito, lasciandoti alle spalle il geco leopardino. Ma ecco che per tutta la giornata non sei riuscito a toglierti dalla testa quel “faccino”, ormai quell’esserino ti aveva conquistato. Ecco perché ti sei messo dietro al computer e ha iniziato a fare delle ricerche su internet finendo su questo articolo.

Ora ti chiederai come faccia a sapere tutto ciò, semplice: ci sono passato anche io. Ed è per questo che voglio darti le giuste dritte per poter accogliere nella tua vita un geco leopardino. Credimi, il suo allevamento non è complicato, bastano pochi accessori per prepararti ad accogliere nel migliore dei modi il tuo nuovo amico. Già, perché prima di andare da un allevatore a comprarne uno è molto importante che tu sia già in possesso di tutti gli accessori necessari per ospitarlo. Quindi ora ti consiglierò gli accessori di base per allevare un geco leopardino, così non ti troverai impreparato.

Il terrario per il geco leopradino

Partiamo dall’accessorio più importante: il terrario, già potrebbe sembrarti banale, ma il terrario è non la “casa” del tuo geco, è il suo habitat, quindi va scelto con molta cura. Non puoi acquistare la prima scatola di vetro o di legno che ti capita a tiro, devi scegliere il modello con le giuste caratteristiche per questo tipo di rettile. Trattandosi di un rettile terricolo, non  bisogna prendere un terrario sviluppato in altezza, ma preferire quelli più lunghi che alti, perché il leopardino a differenza della maggior parte dei gechi non è in grado di arrampicarsi su superfici lisce, perché non presenta sui palmi i caratteristici cuscinetti che fungono da ventosa. per questo ti consiglio di acquistare il Terrarium Pro 60 x “P” 30 x “H” 40 cm  Si tratta di un terrario da 60 cm di lunghezza, 40 di altezza e 30 di profondità dove potrai ospitare 1 o 2 gechi leopardini. È un’ottima soluzione, con vetro cristallo di prima scelta. Sono presenti le importantissime griglie di ventilazione e una comoda apertura frontale che favorisce tutte le operazioni di manutenzione e pulizia. Insomma è proprio il terrario per geco leopardino che fa al caso tuo, acquistalo comodamente da Amazon tramite l’inserzione che trovi sotto. 

Terrarium Pro – Terrario in Vetro cm60x30x40h

Terrari progettati su suggerimenti di esperti, in questo modo da costruire un terrario semplice da mantenere e da gestire, e che allo stesso tempo vi permetterà di creare un ambiente ottimale per i vostri rettili e anfibi. fornisce condizioni del sistema di ventilazione secondo le esigenze degli animali, comodo accesso all’interno del terrario grazie alla […]

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 95,70

Buy Now

 

Tappetino riscaldante

Un alto accessorio necessario per allevare il geco leopardino è il tappetino riscaldante che va posto al disotto del terrario. Non deve assolutamente coprire tutta l’estensione della teca, in quanto è necessario che il geco possa avere a disposizione una zona calda e una fredda. Per far sì che ciò avvenga devi prendere una tappetino più piccolo, personalmente ti consiglio il Tappeto Riscaldante per Terrario da 14 Watt Reptizoo della Haquoss da 28 cm x 28 cm. Questo prodotto è molto affidabile, secondo il produttore può essere utilizzato anche senza termostato vista la capacità di non riscaldare eccessivamente le superfici grazie anche ai pratici tappini che fungono da distanziatori, tuttavia ti consiglio sempre di collegarlo ad un termostato per poter tenere sotto controllo la temperatura. Acquista su Amazon questo tappetino riscaldante per geco leopardino cliccando sul box che trovi di fianco. 

Il termostato

Come detto nel precedente paragrafo, il tappetino riscaldante va sempre associato ad un buon termostato, principalmente per 3 motivi fondamentali:

  1. Controllo. Con un termostato puoi sempre tenere sotto controllo la temperatura impostandola secondo le necessità della specie, grazie a una sonda che spegne questo strumento ogni qual volta l’ambiente raggiungerà la temperatura desiderata.
  2. Sicurezza. Il termostato previene il surriscaldamento del tappetino riscaldante evitando danni agli animali o pericolosi corto circuito.
  3. Risparmio. Con l’ausilio di un termostato avrai un grande risparmio dal punto di vista energetico perché il sistema di auto-spegnimento manterrà il tappetino acceso solo per il tempo necessario.

Detto ciò ti sarai sicuramente reso conto dell’importanza che il termostato ha nel terrario, ecco perché devi scegliere uno strumento di alta qualità. Personalmente ti consiglio il termostato Termocontrol della Haquos. Si tratta di un prodotto di alta qualità, di sicuro tra i migliori sul mercato: robusto, resistente e pratico da usare. Con Haquos si è sempre in buone mani e specialmente quando si tratta di termostati l’affidabilità è una della caratteristiche principali, ecco perché il mio consiglio ricade proprio su questo modello che può supportare fino a 500 W. Acquistalo cliccando sul box che trovi di fianco e ricevilo a casa tua grazie ad Amazon.

Termometro e Igrometro

La temperatura va di pari passo con l’umidità nel terrario e il controllo di entrambe è indispensabile, se col termostato ci assicuriamo un buon funzionamento del tappetino riscaldante è anche vero che il terrario è un ambiente che richiede una zona calda e una fresca, quindi fino a 3 zone di temperatura diversa che vanno comunque monitorate, così come l’umidità che nel caso del geco leopardino non dovrà essere mai troppo alta. Per vere sempre sotto controllo i due valori devi introdurre nel terrario un termometro e un igrometro, per questo fa al caso tuo il Thermo Hygrometer RHT101 analogico della ReptiZoo, uno strumento preciso e affidabile, imprescindibile in ogni buon terrario. Usarlo è semplicissimo, basta inserirlo nella teca e osservare le due scale presenti nel quadrante, quella superiore indica la temperatura, mentre quella inferiore l’umidità dell’aria. Acquistalo nel box che trovi in qui e ricevilo velocemente a casa tua. 

Tana calda e fredda

Il geco leopardino ama stare molto tempo rintanato, quindi è importante fornirgli dei nascondigli dove possa trascorrere il suo tempo al “sicuro” ogni volta che ne avrà bisogno. Per questo dovrai inserire almeno due tane, una nella zona calda e un’altra nella zona fresca del terrario, così in base alle sue esigenze il tuo beniamino potrà spostarsi dalla “residenza estiva a quella invernale”. Per avere un ambiente ottimale e anche facile da gestire e pulire usa le Grotte per terrario della Mondial Fauna, realizzate in resina atossica queste sono rifugi perfetti per i gechi leopardini. Acquistale cliccando nel box.

Ovviamente questi sono solo i 5 accessori indispensabili per allevare un geco leopardino, ma ci sono  tanti altri accessori e arredi che potrai usare per tenere al meglio il tuo rettile. Per qualsiasi consiglio commenta pure l’articolo e sarà mia premura aiutarti. Intanto ti do il mio “in bocca al geco” ;)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *