Tartarughe

Caratteristiche delle tartarughe.

Le tartarughe sono rettili dell’ordine Testudine, tutte le tartarughe viventi appartengono al gruppo di corone Chelonia, la maggior parte presentano un corpo protetto da uno speciale guscio osseo o cartilageno sviluppato dalle costole. L’ordine dei Testudini include sia specie viventi che estinte.  Le prime tartarughe conosciute risalgono al primo periodo Triassico, ciò le rende tra i più antichi gruppi di rettili, molto più antico delle lucertole e dei serpenti. Oggi circa 300 specie sono presenti sul nostro pianeta. Alcune specie di tartarughe sono altamente in pericolo di estinzione.

informazioni sulle tartarughe

Qual è la tartaruga più grande e la più piccola?

Le tartarughe hanno dimensioni molto diverse. Le tartarughe marine sono tra le più grandi, infatti, il più grande chelone vivente è la specie marina, tartaruga liuto Dermochelys coriacea, che può raggiungere una lunghezza di guscio di 200 cm un peso di oltre 750 kg. Le tartarughe d’acqua dolce sono più piccole, la specie più grande che è la tartaruga asiatica Pelibelys bibroni,  di cui la più grande segnalata misura fino a 130 cm  e  circa 180 kg di peso. Ma ci sono anche dei giganti tra le tartarughe terrestri come quelle del genere Geochelone, in particolare le più grandi tartarughe terrestri viventi si trovano nelle Seychelles e nelle Isole Galápagos e possono raggiungere una lunghezza di oltre 130 cm e pesare circa 300 kg. Tuttavia il più grande chelone di sempre era Archelon ischyros, una tartaruga marina del tardo Cretaceo nota per essere lunga fino a 4,6 m.

La tartaruga più piccola è la tartaruga testuggine del capo maculata Homopus signatus. Misura non più di 8 cm (nei maschia)  e pesa circa 140 g. Altre due specie di piccole tartarughe sono le tartarughe del fango americane e le tartarughe muschiate che vivono in un’area che va dal Canada al Sud America. La lunghezza del carapace di molte specie in questo gruppo è inferiore a 13 cm di lunghezza.

Il guscio delle tartarughe o carapace.

Il guscio superiore della tartaruga è chiamato carapace, mentre la parte inferiore che  è chiamato piastrone. Il carapace e il piastrone sono uniti sui lati della tartaruga da strutture ossee chiamate ponti. Lo strato interno del guscio di una tartaruga è costituito da circa 60 ossa che comprendono parti della spina dorsale e delle costole, il che significa che la tartaruga non può strisciare fuori dal suo guscio. Nella maggior parte delle tartarughe, lo strato esterno del guscio è coperto da squame cornee chiamate scuti che fanno parte della sua pelle esterna, o epidermide. Gli scuti sono costituiti da una proteina fibrosa chiamata cheratina. Questi scuti si sovrappongono alle giunture tra le ossa del carapace e aggiungono forza allo stesso. Alcune tartarughe non hanno scuti cornei. Ad esempio, le tartaruga marina e le tartarughe dal guscio morbido hanno invece dei carapaci ricoperte da pelle coriacea.

La forma dei carapaci fornisce utili indizi su come vive la tartaruga. La maggior parte delle tartarughe ha un grande guscio a forma di cupola che rende difficile per i predatori schiacciarle tra le loro mascelle. Una delle poche eccezioni è la tartaruga frittella che ha una conchiglia piatta e flessibile che gli permette di nascondersi nelle fenditure della roccia. La maggior parte delle tartarughe acquatiche ha gusci piatti e aerodinamici che aiutano a nuotare e fare immersioni. Le tartarughe americane e le tartarughe muschiate hanno piccoli piastroni a forma di croce che danno alla tartaruga un movimento delle gambe più efficiente per camminare lungo il fondo di stagni e ruscelli.

Le tartarughe hanno gusci piuttosto pesanti, mentre le tartarughe acquatiche e a guscio molle hanno gusci leggeri che aiutano a evitare che l’affondamento in acqua e a nuotare più velocemente e più agile. Questi gusci leggeri hanno grandi spazi chiamati fontanelle tra le ossa della conchiglia. Il guscio di una tartaruga liuto è estremamente leggero perché manca di scuti e contiene molte fontanelle. Il colore del guscio di una tartaruga può variare. I gusci sono comunemente di colore marrone, nero o verde oliva. In alcune specie, i gusci possono avere segni rossi, arancioni, gialli o grigi e questi segni sono spesso punti, linee o macchie irregolari.

Alcune delle principali tartarughe allevate in cattività: