Ti presento l’iguana: tutto quello che devi sapere per allevarla

L’iguana è sicuramente tra i rettili più famosi e allevati in tutto il mondo. In questa guida ti presenterò l’iguana verde e ti darò alcuni consigli per allevarla.

Ho deciso di inaugurare questa mia rubrica intitolata “A sangue freddo”, proprio con l’ iguana verde. Potrebbe sembrare una scelta scontata, effettivamente di questo rettile se ne parla tantissimo in giro per il web e tutto quello che c’è da sapere sull’iguana sembra armai già detto. Tuttavia lo scopo di questa mia rubrica sui rettili e sugli anfibi è quello di dare una chiave molto personale sull’allevamento di questi animali.

Il mio obiettivo quindi non è quello di fornire parametri di allevamento avanzati per chi ha già esperienza con questi animali e intende fare un passo avanti per diventare un allevatore professionista. Io mi rivolgo fondamentalmente a chi vuole prendere per la prima volta un’iguana oppure ne possiede una da poco e vuole sapere come prendersene cura nel modo giusto. Tuttavia lo farò in una maniera diversa, gli articoli di questa rubrica non saranno delle semplici guide, ma un resoconto breve delle mie esperienze con i rettili e gli anfibi. Per cui parlando della mia esperienza cercherò di fornire dei suggerimenti a chi si appresta a coltivare questa grande passione. Così facendo spero di rendere più piacevole la lettura e più facile la comprensione delle nozioni per allevare un’iguana.

Iguana: caratteristiche e vita di un grande sauro americano

Caratteritiche dell'iguana

Questo è il punto in cui nelle altre guide trovi scritto: l’ iguana dai tubercoli, Iguana iguana detta anche iguana verde o iguana comune è un grosso sauro erbivoro dalle abitudini arboricole, originario del centro e sud America. Può raggiungere il metro e mezzo di lunghezza ecc. ecc. Per carità queste sono informazioni importantissime e ogni buon allevatore o appassionato di rettili deve necessariamente approfondire questi aspetti. Tuttavia per questo c’è Wikipedia. Quello su cui mi focalizzerò in questo articolo è piuttosto la relazione tra le caratteristiche e la biologia dell’iguana e l’allevamento in terrario.

Non si può, infatti, allevare correttamente un animale senza tenere presente questa relazione tra biotopo naturale, biologia dell’animale e terrario. In questo caso dobbiamo ammettere che il terrario è molto penalizzato rispetto all’acquario, infatti, in quest’ultimo a mio parere è possibile ricreare un vero e proprio frammento di biotopo naturale in cui far vivere le specie vegetali e animali d’origine. Nel terrario invece è molto più difficile, quindi quello che andremo a creare è sempre un abbozzo del biotopo originario di una specie.

A mio avviso, parlando prettamente di terrario, l’ostinato tentativo di ricostruire un biotopo porta in realtà a risultati più scarsi in termini di allevamento. Sì, sto dicendo che per quanto riguarda i rettili è meglio prediligere un terrario asettico a una mal riuscita copia di un ambiente naturale. Attenzione, asettico non significa brutto o non adatto agli animali, ma solo puramente de-naturalizzato.

Iguana: come allestire e scegliere il terrario

iguana in terrario

Tornando al caso specifico dell’iguana che è la protagonista di questo articolo, posso dire che è proprio l’emblema dei rettili da tenere nel terrario asettico. L’iguana, infatti, diventa molto grande, è piuttosto distruttiva e si nutre di vegetali, per  cui tentare di integrare delle piante vive nel suo terrario è sicuramente una cosa sbagliata.

Analizziamo ora di cosa ha bisogno un iguana per sentirsi a suo agio in un terrario e facciamolo, appunto, partendo dalle sue caratteristiche fisiologiche e biologiche. Partiamo dalle dimensioni: l’iguana è un lucertolone veramente grande, che cresce molto bene in cattività e senza troppi problemi sfiora il metro e mezzo, per cui (in relazione al suo accrescimento) è una pazzia pensare di poterla tenere correttamente in un terrario che non sia lungo almeno il doppio della lunghezza dell’animale e chiaramente anche profondo a sufficienza. Non consiglio di mettere per forza un’iguana baby di 20 cm in un terrario di 3 metri, ma sicuramente è bene partire con un terrario almeno da un metro per poi ampliarlo con l’accrescimento.




Il terrario per l’iguana deve necessariamente essere anche alto. Come abbiamo detto questi rettili sono prevalentemente arboricoli per cui sostare tra le fronde più alte è una necessità che non si può di certo precludere a questo splendido rettile. Questo però non significa che dobbiamo comprare una pianta originaria del sud America e piazzarla nel terrario, infatti, un paio di rami secchi ben articolati andranno più che bene. E le foglie? Certo, le foglie hanno la loro importanza per le iguana, prima perché le fanno sentire maggiormente al sicuro e poi perché le riparano dal sole (luce artificiale in terrario) quando non hanno bisogno di irradiarsi. Come risolvere questo problema? Semplice, basta ricorrere alle foglie artificiali. Alle iguana, infatti, non importa un fico secco se le foglie che le circondano siano vere o fatte di plastica. Per noi invece fa una grande differenza, perché mettere una pianta viva all’interno di un terrario significa dedicare più tempo e cure alla pianta che all’animale ospitato nella teca, assicurarsi che quella determinata pianta non sia tossica per il rettile, tutto ciò per vedercela distrutta dalla stessa iguana che senza preoccupazioni la strapperà con le unghie o la divorerà. Per cui, ti consiglio vivamente di ricorrere alle vecchie e collaudate foglie di plastica, a patto che queste ultime siano prodotte per l’uso terraristico, quindi atossiche e non facilmente strappabili.

Una volta creati i rami fittizi per le nostre iguana, dobbiamo andare ad analizzare altri due aspetti molto importanti della biologia di questo rettile. Entrambe queste caratteristiche sono strettamente legate anche al luogo d’origine e al biotopo dell’iguana. Infatti, nonostante questo grosso sauro abbia un areale piuttosto vasto è legato a un elemento imprescindibile per il suo benessere ovvero l’acqua. L’acqua per l’iguana ha una doppia valenza perché deve essere necessariamente proposta sia in forma liquida quindi in una ciotola abbastanza capiente che possa fungere sia da abbeveratoio che da piscina, sia sotto forma di umidità.

Iguana: temperatura e umidità in terrario

Iguana femmina allevamento

L’umidità è direttamente collegata a un altro fattore essenziale per la vita e lo sviluppo dell’iguana ovvero la temperatura. L’iguana, come tutti i rettili è un animale eterotermo o più comunemente definito a sangue freddo, per cui, non potendo produrre autonomamente calore come fanno i mammiferi e gli uccelli, la sua fisiologia dipende imprescindibilmente dalla temperatura esterna. Con la temperatura entra in ballo anche la questione della luce che è essenziale per garantire il benessere all’iguana. Puoi trovare informazioni approfondite sulla giusta luce per l’iguana in questo mio articolo, mentre qui ci concentreremo sulla temperatura e l’umidità che sono chiaramente correlati.

La temperatura media nella teca dell’iguana deve essere di 30°c, con una zona basking che arriva a 32-35°c e una zona fredda che può arrivare anche ai 24-25°c. Chiaramente si tratta di un ambiente molto caldo in cui non è difficile mantenere la giusta umidità che è di circa 70-80%. Buona parte dell’umidità sarà generata dalla vasca per l’abbeveraggio, ma ci sono anche sistemi che umidificano l’aria mediate ultrasuoni che possono essere impiegati come supporto in teche molto grandi. Secondo la mia esperienza è bene ricreare delle “finte piogge” all’interno del terrario. A questo scopo si possono usare dei sistemi di “gocciolazione” programmabili oppure il classico vaporizzatore. In entrambi i casi andremo a simulare le improvvise e frequenti piogge delle zone tropicali che avranno sia lo scopo di aumentare l’umidità, ma anche quello di idratare e dissetare le nostre iguane. Negli anni ho notato che le iguane gradiscono molto questo espediente, perché in natura preferiscono nettamente bere dalle foglie e dai rami durante gli acquazzoni che scendere ad abbeverarsi nei corsi d’acqua dove sono molto più vulnerabili. Un altro consiglio che ti do in merito alla questione dell’acqua nel terrario dell’iguana è quella di posizionare un sistema di riscaldamento supplementare a tappetino o a cavo sotto la vaschetta nella zona al disotto della vasca di abbeveraggio che dovrà trovarsi in corrispondenza dei rami dove stazionano le iguana, questo favorirà la risalita del vapore verso l’alto, una condizione tipica delle zone d’origine.

Una cosa da tener ben presente quando si costruisce un terrario per l’iguana è quello di garantire sempre un sistema di circolazione della’aria con bocchettoni non corrispondenti. In questo modo si favorirà il ricircolo dell’aria che è essenziale per evitare funghi e muffe, ma allo stesso tempo si eviterà di creare pericolose correnti.

Iguana: alimentazione e crescita in terrario

baby iguana in terrario

Nella mia esperienza con le iguane ho potuto appurare che sono animali poco schizzinosi quando si tratta di mangiare. Sono delle vere buongustaie e apprezzano molto le verdure e la frutta fresca. Alcune di loro mi hanno dato problemi con i mangimi secchi, per quanto le case produttrici abbiano perfezionato questi alimenti che sono anche ben bilanciati dal punto di vista nutrizionale, è un dato di fatto che le iguane fatichino a mangiare questo tipo di cibi. Non posso dire che abbia tenuto una sola iguana che ne andasse ghiotta, solo un grosso maschio di proprietà di un mio cliente faceva scorpacciate di mangime della Zoomed. Bisogna anche tener presente che l’iguana assume molti liquidi tramite gli alimenti e i cibi secchi ne sono completamente sprovvisti, per cui una dieta basata solo su questi ultimi è assolutamente sconsigliata.

In linea di massima l’alimentazione dell’iguana deve essere sempre molto variegata e ricca di verdure. Il grosso dell’alimentazione dell’iguana deve essere, infatti, costituito da verdure come scarola riccia e liscia, cicoria, radicchio rosso, indivia, rucola, tarassaco, foglie di gelso, foglie di vite, erba medica e pale di fico d’india decorticate. Un restante 20% dell’alimentazione deve essere invece a base di ortaggi quali:  carote, zucchini, fagiolini, peperoni, ma anche fichi, mele, pere, arance, pesche, mandarini, fiori di tarassaco, fiori di Hibiscus, rose. In generale per sapere quali sono i vegetali velenosi per i rettili leggi questo articolo. L’integrazione alimentare è molto importante, quindi sì agli integratori a base di calcio e vitamina D3 (e senza vitamina D3 se e quando esporrai l’iguana a luce naturale).

La mia presentazione dell’iguana è quasi finita, ma se vuoi altri consigli utili sull’allevamento, clicca sul pulsante in basso e vai alla prossima pagina.

5 comments on “Ti presento l’iguana: tutto quello che devi sapere per allevarla

  1. Ciao, ho bisogno di aiuto , alla mia iguana si è rotta un’ unghia cioe’ spezzata dalla base , ho disinfettato la zona con acqua ossigenata ma ho paura che abbia preso un’ infezione cosa posso fare ??
    Sono molto preoccupata

    • Ciao Filo, grazie per averci scritto. Prima di tutto spero che la tua iguana ora stia bene, ma l’unico consiglio che possiamo darti è quello di farla controllare da un veterinario specializzato. Solitamente queste ferite si rimarginano senza troppi problemi, ma se vuoi essere più sicura ti conviene farla visitare. Ad ogni modo, per disinfettare la ferita sarebbe meglio usare il Betadine, disinfettante per uso umano che trovi in farmacia.

      Tienici aggiornati.

      Un saluto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *