Come alimentare il camaleonte

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 febbraio 2016 Alimentazione del camaleonte

Il camaleonte è un rettile davvero molto particolare, infatti questo sauro ha la capacità di mutare la sua colorazione a seconda delle situazioni come: la caccia, la difesa del territorio o l’accoppiamento. Sono tantissime le persone che decidono di acquistare un camaleonte, ma spesso hanno difficoltà nell’allevamento, specialmente riguardo all’alimentazione. In questo articolo andremo a capire assieme come alimentare il camaleonte nel modo migliore.

Condizioni necessarie per la corretta alimentazione del camaleonte

Per alimentare nel miglior modo possibile il proprio camaleonte bisogna tener conto di alcuni fattori molto importanti. Il primo è l’umidità, infatti il camaleonte per potersi nutrire correttamente necessita di avere all’interno della teca un’umidità sempre alta, che gli consenta di rimanere idratato. Per mantenere sempre la giusta percentuale di umidità all’interno del terrario, è possibile comprare un umidificatore che rilascia piccole quantità d’acqua sulle foglie, vaporizzando l’acqua all’interno della teca.

Il secondo fattore sono gli insetti, infatti il camaleonte è un animale insettivoro. Si nutre principalmente di piccoli grilli e locuste che cattura con la sua caratteristica lingua viscosa. È possibile trovare questi insetti da pasto in negozi fisici ed online, infatti esistono moltissimi e-commerce che vendono insetti da pasto in contenitori di cartone o di alluminio che variano a seconda del numero di insetti. L’importante è rivolgersi sempre a rivenditori e allevatori qualificati che forniscono insetti di alta qualità, allevati e nutriti in modo corretto.

Il terzo ed ultimo fattore sono gli integratori, quest’ultimi sono davvero importanti per il camaleonte, infatti gli consentono di mantenere le ossa ed i muscoli in perfetto stato. Gli integratori che solitamente si danno al camaleonte sono il calcio e la vitamina D3.

Tuttavia l’alimentazione corretta del camaleonte è strettamente correlata a un quarto fattore ovvero l’illuminazione che in terrario si ottiene grazie lampade e neon UVB e UVA che permettono al camaleonte di sintetizzare correttamente il calcio e le vitamine assunte con l’alimentazione.

Come somministrare il cibo al camaleonte

Una volta che si disporrà di tutto il materiale necessario bisognerà usare la tecnica giusta per alimentare il camaleonte. La più utilizzata è quella che prevede l’ausilio di una pinzetta: in pratica si afferra con la pinzetta l’insetto precedentemente spolverato con gli integratori, ponendolo a circa 5 centimetri dal camaleonte che poi tirerà fuori la lingua per afferrarlo.

Bisogna effettuare questa operazione almeno 5 volte così da alimentare per bene l’animale, ovviamente gli insetti dovranno essere proporzionati alla dimensione del rettile. Un’altra tecnica meno consigliata è quella di liberare all’interno della teca gli insetti così da lasciare che il camaleonte gli dia la caccia da solo, spesso però accade che il rettile non riesca a mangiare tutti gli inseti che si andranno a nascondere nelle cavità del terrario per poi nutrirsi degli escrementi del camaleonte costituendo poi una minaccia per lo stesso nel caso in cui riuscisse in seguito a mangiarli.

Potrebbe interessarti anche

Questo articolo ti è piaciuto? Dagli un voto, non ti costa nulla e ci vuole un secondo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Francesco Capasso
Seguimi su

Francesco Capasso

Ho oltre 15 anni di esperienza nell'allevamento di rettili, anfibi e altri animali. Dal 2007 al 2013 ho avuto un negozio specializzato nella vendita al dettaglio e all'ingrosso di piccoli animali domestici. Attualmente svolgo la professione di copywriter, scrivendo anche di animali per portali importanti come Cani.it e continuo ad allevare sempre nuove specie.
Francesco Capasso
Seguimi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *